La carica dei 1000 alla Maratonina del Mare

23 Maggio 2022

Nella gara nazionale di mezza maratona (Km 21,097) vince il keniano Mike Kipruto in 1h 07'07", quarto Alberico Di Cecco 1h 14'48"

 

Una giornata di podismo con grandi numeri, oltre mille partecipanti (compresa la corsa non competitiva di Km 10), e tanto entusiasmo per la 7^ Maratonina del Mare, domenica 22 maggio, tornata a disputarsi dopo due anni di forzata rinuncia organizzativa per l’emergenza Covid. Partenza da via Pepe, all’altezza dello stadio Adriatico Cornacchia e arrivo dentro lo stadio, come nei migliori scenari delle gare olimpiche. Il gran caldo non ha frenato la carica dei tanti podisti, molti dei quali provenienti da fuori Abruzzo.  

L’organizzazione della Runners Pescara non può che essere soddisfatta per la Maratonina del Mare Pescara Half Marathon (Km 21,097), manifestazione che ha ricevuto l’investitura dell’inserimento nel calendario degli eventi podistici nazionali da parte della federazione di atletica. Un riconoscimento non facile da ottenere nell’inflazionato calendario nazionale per una gara di mezza maratona. Ha vinto un giovane keniano classe 2001 da poco approdato in Italia, Mike Kipruto (ASD International Security Napoli), che ha regolato la concorrenza nel tempo di 1h 07’07”, a 59 secondi dal suo personale fatto segnare quest’anno a Vittorio Veneto. Con quella di ieri ha già corso quattro mezze maratone in due mesi, che non sono sicuramente poche. Staccato di dieci secondi il veterano marocchino Youssef Aich (Podistica il Laghetto Napoli), 35 anni, non distante dal personale di 1h 06’41” del 2019. Terzo, con un ritardo di quasi 5 minuti, è arrivato un 42enne marocchino trapiantato in Italia, Mohamed Hajjy (Atletica Castenaso Bologna) in 1h 12’10”, atleta con passato agonistico discreto sulle distanze della maratona e della mezza maratona, nel quale spicca un 2h 14’08” in maratona nel 2005. E per gli abruzzesi c’è la soddisfazione del primo italiano classificato, l’intramontabile Alberico Di Cecco, 48 primavere e un conosciutissimo passato in azzurro, che ha chiuso l’impegno in 1h 14’48”. Per il veterano di Fara San Martino era l’esordio stagionale in mezza maratona. Quinto si è piazzato l’aquilano Federico Ciocca (DK Runners Milano) 1h 15’00”, sesto Stefano Velatta (Martoneti Genovesi) 1h 15’07”, settimo Mattia Bertocchi (DK Runners Milano) 1h 15’58”, ottavo il terzo degli abruzzesi, Alessio Bisogno (Passologico) 1h 17’30”, nono il pescarese Maurizio D’Andrea (Dynamyk Fitness Bari) 1h 18’12”, decimo Matteo Manuppelli (Atletica Apricena) 1h 18’46”. Undicesima assoluta è arrivata la prima donna al traguardo, la 23enne keniana Catherine Njihia (Orecchiella Garfagnana Lucca), anche lei da poco approdata in Italia senza un accredito agonistico, che ha impiegato 1h 18’52”. Si è lasciata dietro una quotata connazionale, Brigid Jelimo Kabergei (Athletic Terni) 1h 21’46”, sedicesima nell’ordine d’arrivo generale,che vanta in carriera un personale di 1h 14’00”. A tenere alta la bandiera abruzzese, la teatina Sara Di Prinzio (Runners Chieti), terza donna classificata, 29^ in classifica generale con il tempo di 1h 25’48”, a un minuto dal primato personale nonostante il forte caldo. Per la quarta e la quinta classificate occorre scendere di molto in classifica, fino al 60° posto per trovare la pescarese Lorella Buzzelli (GP Fidas Pescara) 1h 31’15”, e al 79° nel quale si è piazzata Maddalena Carella (ASD La Fenice) 1h 33’08”. 



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate